LIQUIDITY CRASH TEST: IL NOSTRO MODELLO PER MONITORARE LA LIQUIDITA’ AZIENDALE

Alla luce della proroga del blocco fino al 13 aprile, che metterà a dura prova la finanza delle imprese, si rende necessario monitorare lo stato di liquidità aziendale.

Per tale ragione abbiamo creato un modello che permette di visualizzare anticipatamente se e quando le aziende entreranno in crisi di liquidità, permettendo di intervenire per tempo e con gli strumenti idonei.

Il main goal è fare in modo che la liquidità aziendale sostenga le realtà imprenditoriali fino al termine della crisi e dando la possibilità di riprendersi.

È in quest’ottica che abbiamo sviluppato il seguente modello di “liquidity analysis”.

Il modello

L’elemento chiave è la semplicità. Sono poche le informazioni aggiuntive necessarie per implementare lo strumento, perché la maggior parte dei dati viene estrapolata dai bilanci.

Sono utili inoltre, trattandosi di un modello previsionale, alcune assunzioni di base da valutare caso per caso.

Questo modello evidenzia l’evoluzione mensile della liquidità di ogni singola impresa. Solo le aziende con liquidità negativa richiedono un’iniezione di fondi, pari all’ammontare della liquidità in negativo.

Dopo l’implementazione, è di immediata individuazione il momento in cui l’azienda affronta una situazione di crisi di liquidità, ossia quando le risorse disponibili non sono più sufficienti a coprire i costi.

Riteniamo di vitale importanza questa liquidity analysis perché permette di scegliere la miglior soluzione in tempi rapidi, essendo cruciale un intervento immediato. Chi si muove per tempo avrà un’opportunità di rivedere il proprio business e di ripartire, meglio di prima.

Lo studio rimane a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti.

Distinti saluti

Studio Lumini & Associati

Post correlati