LA NOSTRA MISSION PROFESSIONALE: CREARE IMPRESE RESILIENTI

In psicologia, la resilienza è la capacità di far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà. È la capacità di ricostruirsi restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza perdere la propria umanità.  Tale termine, preso in prestito alla psicologia, viene utilizzato sempre più spesso nell’ambito economico come chiave per vincere la crisi. Barack Obama parla di ‘età della resilienza’ inteso come epoca in cui è necessario resistere alle crisi e reinventarsi.

La resilienza va ricondotta alla capacità di identificare tempi e modi di reazione necessari per superare eventi negativi, rappresenta una reazione per riprendersi più velocemente. E’ di fronte a tali eventi più o meno traumatici che si impara a crescere. Un’impresa resiliente riesce a sfruttare l’incertezza, il rischio per progettare nuove soluzioni. In tale tipo di sistema è necessario cambiare la percezione del rischio, in quanto deve essere vissuto come un’opportunità di innovazione e di crescita. L’approccio resiliente diventa quindi di fondamentale importanza in un sistema caratterizzato da cambiamenti imprevisti.

Come adattarsi ai cambiamenti

Per raggiungere gli obiettivi e risultati soddisfacenti è indispensabile che l’impresa si esponga a rischi e tenda a proseguire un percorso di crescita continua. Spesso quest’ultima è in grado di affrontare una serie di eventi sconvolgenti, ma non è in grado di superare quelli rari ed imprevisti. Possiamo definire tale sistema con un’espressione ‘robusto ma fragile’ coniata dallo scienziato Doyle Jonh. L’impresa è contraddistinta da efficienza e fragilità da una parte e inefficienza e robustezza dall’altra.  Col passare del tempo quindi l’aumento della complessità aziendale può diventare fonte di fragilità. Un’impresa con un approccio resiliente può continuare a crescere e ad evolversi con l’obiettivo di soddisfare i propri obiettivi economici e soddisfare i propri stakeholders. L’impresa resiliente ha una maggiore capacità di adattarsi ai cambiamenti in quanto ha intrapreso azioni volte ad anticipare i rischi, riconoscere le opportunità e configurare prodotti e processi solidi.

Le aziende devono trasformare le incertezze in stimoli verso l’innovazione attuando processi di ridiscussione dell’impresa in tutti i suoi aspetti, dall’organizzazione alla strategia aziendale, dalla cultura aziendale alle risorse umane. Si tratta di trovare la forza che guida il processo di cambiamento che non si limita soltanto ad agire sugli aspetti materiali della gestione dell’impresa, ma che ne modifica le prospettive, gli obiettivi, i valori che guidano ogni visione all’interno del complesso aziendale. La resilienza quindi è l’arte di adattarsi al cambiamento, trasformando le incertezze in occasioni e i rischi in innovazione.

Conclusioni

In un momento di incertezza come quello attuale, anche l’imprenditore deve essere reattivo e deve cercare di generare energia positiva contagiando e coinvolgendo i suoi collaboratori ed i suoi stakeholders.

La capacità e la velocità di reazione rispetto ad eventi traumatici può determinare la sopravvivenza ed il successo aziendale. La nostra Mission professionale è quella di favorire il cambiamento delle aziende e di trasformare le rigidità in flessibilità. Ad esempio, con interventi sui costi, trasformandoli ove possibile, da costi fissi in costi variabili ovvero attuando scelte di make or buy e di terziarizzazione o di delocalizzazione.

 

Post correlati

Lascia un commento